home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 86.075.179 visualizzazioni ]
03/08/2011 12.06.30 - Articolo letto 3644 volte

Vertenza CASAM: prossimo aggiornamento 23 agosto

CGIL CGIL
Media voti: Vertenza CASAM: prossimo aggiornamento 23 agosto - Voti: 0
La CGIL CISL e UIL si mobilitano
Matera L’incontro tenutosi in data odierna presso la Prefettura di Matera, a seguito dell’esito negativo del confronto tenutosi presso il Palazzo di Città lo scorso 21 luglio, non ha determinato un accordo ma ha prodotto le basi acchè ad un’intesa si possa pervenire.
 
Grazie al ruolo di mediazione svolto dalla Prefettura di Matera, le parti hanno deciso di aggiornarsi al 23 agosto p.v. presso il Palazzo di Città per determinare la soluzione positiva e definitiva dell’annosa vertenza Casam.
 
Il sindacato ha rimarcato la necessità che fra le parti si instaurino corrette relazioni sindacali avendo la Casam rispetto per il ruolo che le OO.SS. devono potere esercitare all’interno del luogo di lavoro secondo le previsioni contrattuali e dello Statuto dei Lavoratori.
 
In particolare il sindacato, unitariamente, ha rivendicato che, nell’assicurare tale pubblico servizio, essenziale per la collettività, la Casam deve garantire sia la qualità del servizio sia la qualità del lavoro.
 
Rispetto a questo aspetto, l’Amm.ne Comunale, quale ente appaltante il servizio, deve svolgere il suo ruolo di controllo e vigilanza affinchè il CCNL di settore e le norme sulla sicurezza e sulla tutela della salute dei lavoratori vengano rispettati e affinchè il servizio stesso sia garantito, in maniera ottimale, senza che si trasgrediscano le basilari norme contrattuali.
 
IL sindacato ha ribadito la necessità, non più rinviabile, di procedere all’assunzione delle unità (5) andate in pensione e che tale necessità non sia lasciata all’arbitrio dell’azienda che non può, trattandosi di un servizio di cui essa è affidataria, decidere, in relazione a tale aspetto (rimpiazzo delle 5 unità lavorative andate in pensione) “il se, il quando e il come”.
 
L’azienda, infatti, non può continuare a rendere un servizio alla collettività mettendo in affanno il personale impegnato a garantire il servizio stesso: 68 unità sono poche, se si considera che alcune di queste vengono pure utilizzate per svolgere attività di Gran Turismo.
 
Le unità da destinare al TPL erano e devono ritornare ad essere almeno 73. Così prevede anche il nuovo bando di gara e non si può giungere al cambio della gestione dell’appalto con un organico sottodimensionato.
 
IL sindacato pertanto ha specificato che l’incontro del 23 agosto deve partire da un dato acclarato e non più negabile: la necessità di recuperare le 5 unità lavorative mancanti ma soprattutto di evitare che il servizio continui ad essere garantito da un numero insufficiente di operatori addetti al servizio.
 
IL 23 agosto viene considerato dal sindacato come la data in cui si ottempera ad una intollerabile situazione (quella di avere un organico carente) oltre che il punto di partenza per sistemare una serie di criticità oggi presenti nella gestione dell’appalto : consentire lo smaltimento di ferie residue (ogni lavoratore ha circa 60/70 giorni di ferie residue da fruire, per un totale complessivo di 4000 giorni di ferie non godute) a tutti i lavoratori interessati; non fare più ricorso ad un istituto contra legem “la reperibilità durante il riposo”; disciplinare la fruizione, secondo CCNL e legge, del riposo settimanale; utilizzare personale proprio per il Gran Turismo evitando di sottrarre unità al servizio di TPL.
 
Questi i punti fissi e irrinunciabili da cui il sindacato riprenderà il confronto il giorno 23 agosto p.v.
 
Nella giornata odierna il risultato ottenuto è che l’azienda ha ammesso di non avere un organico sufficiente ad espletare il servizio di TPL e che entro il 23 agosto preparerà un piano con cui procedere alla reale rimozione di tale deficienza.
 
Tale deficienza è avvalorata dal fatto, a parere del sindacato, che ad oggi non si è consentito a tutti i lavoratori di fruire, nei tempi previsti dalla legge, delle ferie e dei riposi settimanali. E tale aspetto non può non essere preso in seria considerazione.
 
IL sindacato difenderà le sue posizioni facendole valere nell’esclusivo interesse dei lavoratori e della collettività destinataria del servizio.
 
Per queste ragioni si è chiesto all’amministrazione comunale di Matera di vigilare acchè ci sia il ripristino di condizioni di lavoro sicure e rispettose delle previsioni contrattuali e affinchè i posti di lavoro (5), rimasti ad oggi vacanti, vengano immediatamente coperti con l’assunzione delle cinque unità lavorative mancanti.
 



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi