home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 86.588.791 visualizzazioni ]
06/05/2011 15.14.09 - Articolo letto 3929 volte

Repliche del Sindaco di Policoro

Nicola Lopatriello Nicola Lopatriello
Media voti: Repliche del Sindaco di Policoro - Voti: 0
Sul terzo polo e al comunicato stampa del pd cittadino
Policoro Le forze politiche del Terzo Polo, che sostengono la maggioranza di Governo cittadino, replicano alle accuse di dimissioni lanciate dalla sezione locale del Pd: “Che a tacciare la maggioranza di arroganza, incompetenza e litigiosità sia il Partito Democratico locale è quanto meno stravagante e improponibile. Se i suoi  sprovveduti rappresentanti non avessero la memoria corta o la sola sfacciataggine di nascondere il loro passato scomodo, ricorderebbero che proprio loro (ci sono tutti) hanno decapitato il loro sindaco (lo si chieda a Serafino Di Sanza) con intrighi di palazzo, zuffe e tentativi non assecondati di manipolazione di appalti pubblici. Noi il sindaco scelto dalla nostra gente lo rispettiamo e lo sosteniamo, anche oltre ogni oscuro tentativo, perpetrato ad ogni livello, di delegittimazione. A sostenerlo è una maggioranza, scomoda per i diessini e gli eventuali occasionali alleati, fatta di forze centriste che oggi si propongono per la costruzione di un progetto alternativo alla Destra e alla Sinistra: un progetto che poggia, prima di tutto, sul rispetto della persona umana e della sua dignità, come presupposti essenziali per la progettazione di una società più giusta e civile. Le minacciate barricate dell’opposizione non spaventano. Siamo disponibili al confronto anche aspro, se questo è finalizzato alla crescita della nostra comunità. Noi siamo impegnati per il rispetto del nostro programma elettorale e lo faremo con senso di responsabilità, convinti come siamo che le vicende personali non contano: possono pure cambiare deleghe e delegati; ciò che importa veramente è che collegialmente e con una sapiente concertazione si attuino le scelte più appropriate per la nostra gente. Non solo non ci dimettiamo (si disilludano i delatori), stiamo dando e daremo prova, insieme a Nicola Lopatriello, della nostra passione  e del nostro leale impegno per la comunità policorese, ultimando il mandato elettorale e a riproporlo anche per il futuro, rilanciando un modello politico, quello dei moderati, che in Policoro ha trovato il suo alveo più naturale e che ancora può essere vincente”.


In merito al comunicato stampa diffuso dalla sezione del Pd di Policoro sulla situazione politica locale, il sindaco di Policoro, Nicola Lopatriello, risponde: “Innanzitutto non ho mai attaccato né la magistratura né la polizia giudiziaria, ho soltanto parlato, come in passato, di qualche “mela marcia”. Poi ho sostenuto di voler essere processato perché ritengo le accuse infondate, in quanto l’episodio chiave dell’indagine sull’appalto della pubblica illuminazione è stato smontato con certezza e in maniera inequivocabile negli atti esibiti in questa fase preliminare dell’indagine. Inoltre vorrei ricordare ai miei oppositori che la presunzione di innocenza è un principio cardine dello Stato di diritto, e se loro mi chiedono di dimettermi lo stesso avrebbero dovuto fare con il parlamentare Salvatore Margotta, indagato anch’egli in un’inchiesta giudiziaria che fece molto clamore all’epoca e poi assolto proprio nei giorni scorsi. Sono contento per lui poiché ritengo che in Lucania non esistono tutti questi complotti di cui sono piene le cronache giornalistiche, e comunque la sovranità popolare non può essere sovvertita da nessuno tranne che dagli elettori. Oltretutto pensavo che il passato avesse insegnato qualcosa, nel senso che tra tutte le inchieste giudiziarie aperte negli anni in regione condanne non se ne sono viste, finora. Per quello che mi riguarda la vicenda di Toghe Lucane, con sei capi di imputazione ben più gravi di quelli addebitatimi a gennaio 2011, si è conclusa con l’assoluzione; un altro processo del 2005 con “il non luogo a procedere”. Certo non è che mi aspettassi dagli amici del Pd una sorta di santificazione per le assoluzioni, però chiedere le dimissioni per un’inchiesta giudiziaria ancora in una fase preliminare è da Repubblica popolare e comunque la notte dormo tranquillamente. Anzi la prendo come una battuta cabarettistica di Zelig. A parte gli scherzi invito il Pd a misurarsi con la maggioranza sui temi che stanno a cuore della città fino al 2013. Poi a scadenza mandato ci confronteremo sui palchi”.





Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi