home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 87.569.418 visualizzazioni ]
05/05/2011 10.52.17 - Articolo letto 5009 volte

A MATERA IL PREMIO LEGAMBIENTE PER IL RIFIUTO ABBANDONATO

Lo foto vincitrice scattata nei Sassi Lo foto vincitrice scattata nei Sassi
Media voti: A MATERA IL PREMIO LEGAMBIENTE PER IL RIFIUTO ABBANDONATO - Voti: 0
Un frigorifero nei Sassi è lo scatto vincitore del concorso nazionale
di GIOVANNI MARTEMUCCI
Matera E' un frigorifero abbandonato per strada nei Sassi di Matera il vincitore del premio Raeeporter 2.0 concorso indetto da Ecodom e Legambiente. Lo scatto fotografico, non certo edificante per la città, è stato realizzato negli antichi rioni, patrimonio Unesco, da Piergiorgio Di Bari che ha immortalato un rifiuto speciale come il frigo in via Madonna delle Grazie. Matera ha strappato il primo premio a foto finaliste "autorevoli" con rifiuti abbandonati in città come Milano o Novara. Ma contro il degrado di Matera non c'è stata storia e alla fine il frigo nei Sassi ha convinto la giuria così la fotografia si è guadagnata 10/10 di qualità artistica e 7/10 come giudizio tecnico, per un totale di 17/20. La campagna Raeeporter 2.0 di Ecodom e Legambiente è una campagna di educazione ambientale “travestita” da concorso fotografico, che invita i cittadini a inviare i propri scatti per testimoniare il degrado ambientale e suggerire spunti di riflessione su quanto le apparecchiature elettroniche (e i rifiuti che poi ne derivano) pervadano le nostre esistenze. E nello stato di degrado generale in cui si trova la città, la vittoria a questo concorso non fa altro che certificare le deficienze nel servizio di raccolta dei rifiuti ingombranti ma anche la scarsa educazione ambiebntale dei cittadini. Il secondo posto è invece un ex aequo: 16/20 per il piccolo televisore che riflette la via di Paolo Salmoirago e per quello abbandonato lungo il marciapiede ritratto da Massimiliano Leoni, entrambi a Milano. Il terzo posto, ottenuto con 15/20, se l’è aggiudicato invece Dante Migliaretti, con un’altra tv che sembra guardare fuori da un cortile, tra le foglie secche a Novara. Dunque un premio "meritato" quello della foto scattata a Matera che non stupisce più di tanto i materani abituati ormai all’onnipresenza di elettrodomestici, divani, monitor e copertoni abbandonati in giro per la città. I rifiuti ingombranti o speciali per strada sembrano ormai far parte dell'arredo urbano di una città Unesco e per di più candidata a Capitale europea della Cultura.  
Ma al di là dei condizionamenti emotivi, resta un dato di fatto: i RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) abbandonati sono fonte di inquinamento pesante: “Per farsi un’idea del potenziale inquinante dei Raee – spiega infatti Giorgio Arienti, direttore generale di Ecodom, Consorzio Italiano Recupero e Riciclaggio Elettrodomestici- basta pensare che un frigo abbandonato comporta lo stesso danno all’ambiente che produce una macchina percorrendo ventimila chilometri".
In Italia il problema dei Raee è grave: ne vengono raccolti circa 250 mila tonnellate all’anno, ma si dovrebbe raccoglierne almeno quattro volte tanto, considerati i dati degli ingressi sul mercato, cioè le apparecchiature nuove vendute ogni anno. E quello che non viene raccolto e destinato a corretta gestione, si perde in mille rivoli diversi: c’è l’abbandono, c’è il fenomeno del trattamento in impianti non corretti, dove magari si recuperano i materiali ma non si evita la dispersione dei gas pericolosi, e poi c’è anche l’export illegale e clandestino verso paesi più poveri, dove il trattamento viene fatto in condizioni inaccettabili per l’ambiente e per le persone”. E a maggior ragione bisogna fare attenzione a dove vanno a finire i nostri Raee. Il problema è proprio la scarsa informazione dei cittadini: secondo un’indagine realizzata da Ipsos per Ecodom il 71% degli intervistati non sa nulla dei Raee, e pochissimi (il 17%) sanno dell’obbligo di ritiro gratuito del Raee da parte del rivenditore al momento dell’acquisto di un nuovo apparecchio, il cosiddetto ritiro “uno contro uno.
Giovanni Martemucci





Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




Si vincerebbe a mani basse...
Il 11/05/2011, GiuseppeFlace ha scritto :

Perché, qualcuno pensa che una bella foto di p.za San Pietro Caveoso piena di macchine non avrebbe vinto ugualmente? LOL :D


COI SASSI "STIAMO FRESCHI"...
Il 05/05/2011, carmel ha scritto :
Per forza, noi nei Sassi "stiamo freschi"...

 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi