home > eventi > Eventi Matera | SassiLand > Leggi evento
[ 23.741.638 visualizzazioni ]
Evento consultato 282 volte

E all’improvviso una pietra in “fiore”: che meraviglia

Attivo da lunedì 11 dicembre 2017 a venerdì 15 dicembre 2017
Franco Di Pede Franco Di Pede
Media voti: E all’improvviso una pietra in “fiore”: che meraviglia - Voti: 0
Presso Aqvaworld Bluwellness Family Club - Matera
Matera Nuovo corso di scultura su tufo dal nome E all’improvviso una pietra in “fiore”: che meraviglia con gli allievi dell’Accademia delle Belle Arti di Bari. Il simposio è realizzato dall’associazione culturale Aqva-Vision in collaborazione con lo Studio Arti Visive del professor Franco di Pede e si terrà a Matera dall’11 al 15 dicembre presso l’Open Design School del soggetto finanziatore Aqvaworld Bluwellness Family Club, zona Paip 2.
 
In occasione del simposio saranno realizzate 10 sculture dedicate al “mare in tutte le sue forme” da collocare in alcuni quartieri della Città Dei Sassi e una dell’altezza di 3 metri da erigere al Borgo La Martella in onore di Adriano Olivetti, grazie la cui intervento la borgata deve molto.
 
In occasione del simposio, già lunedì 11 dicembre alle ore 12:00 sarà indetta una conferenza stampa di presentazione presso Aqvaworld Bluwellness Family.

<<Fai una buona azione una volta e non ne puoi più fare a meno>>. Tuonava così Glenn Ford, alias Ben Wade, nel celebre film “Quel treno per Yuma”. Sì perché l’associazione culturale Aqva-Vision di buone azioni ne ha fatte diverse, e continua a farne. E questa volta ha deciso di legarsi con il capoluogo pugliese dall’11 al 15 dicembre. Il passato di Bari è sempre intrecciato alla storia di una vasta rete di territori che alimentano vocazioni produttive e commerciali. Il concetto di città nodale individua in Bari “il nodo” di una rete che esiste già alle origini remote della sua storia, e si è individuato nel nesso storico-culturale tra “terra” e “mare”, che indica una importante connotazione geopolitica delle comunità dell’area Mediterranea, ma anche una connotazione “culturale”, una forma della mente, il tratto dominante di storia comune. E un comprensorio che sa di mare, terra e cultura non poteva, pertanto, non abbracciare il simposio dedicato alla lavorazione del tufo voluto da Aqva-Vision, in collaborazione con lo Studio Arti Visive del professor Franco Di Pede.
 
E all’improvviso una pietra “in fiore”: che meraviglia, questo il titolo del progetto, si terrà sempre a Matera e ospiterà quest’anno nove allievi dell’Accademia Delle Belle Arti di Bari accompagnati dal professor Mauro Mezzina e dalla coordinatrice del corso di scultura Francesca Macina. Il tema concordato da Mezzina, insieme ai responsabili della Open Design School Matera, (questo il neonato nome del laboratorio che insegna ai propri allievi a guardare la Città dei Sassi non come paesaggio, ma come una “vera e propria scultura a scala ambientale”), sarà “Il mare in tutte le sue forme” e vedrà la realizzazione di 10 sculture, dedicate appunto all’acqua in tutte le sue “sfaccettature”, da collocare in alcuni quartieri della Città dei Sassi e una dell’altezza di 3 metri, in onore di Adriano Olivetti da erigere al Borgo La Martella grazie al cui intervento la borgata deve molto.
 
Un po’ di cenni storici sul Borgo La Martella - Dopo la Seconda Guerra Mondiale, l’attenzione dell’allora Istituto Unrra – Casas, diretto dall’ingegnere Adriano Olivetti, si posò, tra l’altro, sulla città di Matera con i suoi caratteristici Sassi, descritti da Carlo Levi nel suo libro “Cristo si è fermato ad Eboli”. Olivetti sposò l’idea di costruire borghi residenziali che potessero essere di propulsione alla formazione di comunità locali. Egli diede molta importanza alle comunità per il riscatto e la redenzione del sud. Nel 1949 Olivetti visitò Matera e, a seguito dell’incontro con Friedmann, nacque la Commissione incaricata dello studio della città e del territorio. Nacque così La Martella, progettata e realizzata con l’intento non solo di raccogliere gli abitanti dei Sassi, ma anche con idee tendenti al decentramento burocratico-decisionale, alla formazione professionale e all’insediamento industriale in zone pianeggianti. Il Borgo, dopo la sua creazione, fu abbandonato a se stesso per la miopia della classe dirigente del posto che fu restia a idee utopiche e visionarie. Con l’abbandono la borgata ha visto il lento degrado delle numerose strutture pubbliche.
 
L’ultimo treno per Bari porterà via con sé un bagaglio culturale dal sapore di acqua e tufo.





 
Vota questo contenuto

Seleziona una data

Nuovo speciale SassiLand

Natale 2017 a Matera e provincia
Speciale attivo - vai alla pagina !
Consulta tutti gli speciali !

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi