home > eventi > Eventi Matera | SassiLand > Leggi evento
[ 34.197.276 visualizzazioni ]
Evento consultato 2429 volte

Materadio 2016 - Utopie e distopie

Attivo da venerdì 23 settembre 2016 a domenica 25 settembre 2016
Materadio 2016 Materadio 2016
Media voti: Materadio 2016 -  Utopie e distopie - Voti: 0
La Festa di Rai Radio3
Matera Stefano Bollani, Armando Punzo, Edoardo Albinati, Lucio Caracciolo, Umberto Galimberti, Moni Ovadia, l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, Peppe Servillo, La banda Rulli Frulli, Francesco Piccolo, Daniele Sepe, Gianfranco Baruchello, Luigi Zoja, Guido Tonelli, Franco Farinelli sono solo alcuni dei protagonisti di “Materadio – La Festa di Rai Radio3” in programma a Matera, Capitale europea della cultura nel 2019, nei giorni 23, 24 e 24 settembre 2016.
 
La manifestazione è stata presentata oggi in una conferenza stampa che si è tenuta presso Triennale Expo Gate, Via Beltrami 1, a Milano, negli spazi di XX1 Triennale international exhibition – Milan 2016  e The Next Nest – progetto/mostra selezionato per la CallOver35 (mostra della XX1T)
 
 
Il tema di questa edizione sarà "Utopie e Distopie" per riflettere su uno dei 5 cluster del dossier di candidatura di Matera, Capitale europea della cultura del 2019, ma anche per celebrare i 500 anni dalla pubblicazione dell'Utopia di Tommaso Moro. 
 
“Materadio – ha detto il direttore di Rai Radio3, Marino Sinibaldi - torna per la sesta volta tra i Sassi di Matera con un programma ancora più ricco e un tema davvero speciale. Basta scorrere l’elenco degli ospiti per rendersi conto della qualità del programma. Merito anzitutto della disponibilità di artisti, scrittori, attori, giornalisti, scienziati, architetti e musicisti che hanno accolto entusiasticamente il nostro invito comprendendo immediatamente lo spirito di questo appuntamento: un incontro con gli ascoltatori di Radio3 ma anche con una città particolare che sta, anno dopo anno, costruendo il progetto che ne farà, nel 2019, la Capitale Europea della Cultura. Con le diverse edizioni della nostra Festa abbiamo accompagnato questo cammino che sta diventando un esempio per molte altre città italiane, intenzionate a fare della cultura un elemento fondamentale della propria identità.
Ma quest’anno ci sarà un tema davvero speciale a cucire insieme i diversi appuntamenti. A dire il vero, sarà un tema che comparirà ancora nell’autunno e l’inverno prossimi di Radio3. Questo tema è l’Utopia. L’occasione è un anniversario (i 500 anni del libro di Thomas More –o Tommaso Moro- che inventò l’immagine e persino la parola). Ma dietro c’è una urgenza meno occasionale. Di fronte alla crisi dei modelli di convivenza e di interpretazione del mondo si avverte una mancanza, quella dell’immaginazione che sa vedere oltre. Questa facoltà umana –tra errori e tragedie che non vanno sottovalutate- si è da sempre espressa in una tensione utopica oggi debole o forse solo poco percettibile. E’ anzitutto per dare visibilità a questa inclinazione che abbiamo pensato di raccogliere a Matera idee, azioni e figure impegnate in questo ripensamento. Sarà insomma una festa, piena come al solito di parole, suoni, gesti artistici e anche spettacolari ma anche, come al solito o più del solito, di idee”.
 
Il direttore della Fondazione Matera-Basilicata2019, Paolo Verri, si è soffermato sui prossimi impegni della Fondazione:
“Il programma culturale di Matera 2019  è un progetto in divenire, che copre un arco temporale di sei anni, suddiviso in tre fasi:
•          2015-16 dedicati alla costruzione delle competenze;
•          2017-18 alla co-produzione e alla preparazione;
•          2019-20 alla produzione e alla presentazione dell’evento.
Tale programma non si esaurisce con l’anno da Capitale Europea della Cultura ma prevede il consolidamento dei progetti e della legacy anche attraverso azioni di distribuzione nel triennio successivo  (2020-22). Anche la strategia di comunicazione per far conoscere il programma culturale prevede delle tappe intermedie nelle annualità che ci separano dal 2019”.
 
Alla conferenza stampa, ha partecipato, via Skype, anche la presidente della Fondazione, Aurelia Sole: “Stiamo lanciando i bandi dedicati alle residenze artistiche. A partire dalla innovativa esperienza del web team Matera 2019 sarà istituito un web team europeo con presenza di almeno un responsabile senior più uno junior nei luoghi centrali della comunicazione culturale europea più una presenza di “affiliati” nelle altre nazioni facendo uso del network Tandem. A partire da settembre, gli incontri di build up proseguono in vista della selezione e formazione delle tre categorie di operatori che andranno a costruire le azioni del dossier:
•          Matera ChangeMakers, un team di project manager motivati e competenti, che abbiano un profondo legame con la regione e con il Sud Italia, la cui cura e attenzione nei confronti del contesto locale, unite a competenze gestionali e internazionali consolidate, garantiscano un’adeguata continuità anche dopo il 2019.
•          Matera Links, gli audience developers che dovranno ricollegare le iniziative culturali ai potenziali gruppi target, stabilendo relazioni sostenibili, e che fungeranno da ponte tra i cittadini permanenti e quelli temporanei, attraverso una rete di iniziative di turismo culturale già in atto in Basilicata.
•          Matera Public Service, funzionari pubblici e referenti politici capaci di adottare strategie di sviluppo del territorio su base culturale (cultural planning), i quali lavoreranno con le Capitali europee della cultura di ieri oggi e domani per rispondere in modo flessibile alle iniziative culturali dei cittadini”.
 
Alla conferenza stampa sono intervenuti anche Emmanuele Curti, dell’Unibas, che ha illustrato il programma Off di Materadio, e Nicola Campogrande, direttore artistico di MITO e autore della partitura che verrà suonata dall'orchestra sinfonica abruzzese nel corso di “Materadio”.

VENERDÌ 23 SETTEMBRE 2016
 
 
 
Casa Cava
16.00-16.45
FAHRENHEIT
Introduzione all’Utopia
Intervengono: Nuccio Ordine, Laura Canali, Ettore Vadini, Luca Mori
Conduce Marino Sinibaldi
 
 
Casa Cava
16.55-17.05
Filo rosso (1)
L’utopia di Italo Calvino
Peppe Servillo legge “Le città invisibili” di Italo Calvino
 
 
Casa Cava
17.00-18.00
Teatro di Radio3 
Mille anni: l’inizio
dal romanzo "Mille anni che sto qui" di Mariolina Venezia
adattamento e regia Mariolina Venezia
con Egidia Bruno
costumi Paola Marchesin
luci Vincenzo Vecchione 
Conduce Laura Palmieri
Il romanzo Mille anni che sto qui (Premio Campiello 2007) racconta la storia di una famiglia lucana dall’Unità d’Italia alla caduta del muro di Berlino attraverso cinque generazioni, cinque  donne che si passano il testimone mentre intorno infuriano le tempeste della Storia. Un’epopea familiare per far luce sul mistero quanto mai attuale dell’identità, di ciò che ci lega a chi ci ha preceduti e ciò che ci rende irriducibilmente unici. La stessa Mariolina Venezia ha lavorato sull’adattamento teatrale della  prima di queste storie, quella di Carmela, la contadinella violentata ancora bambina dal signorotto del paese don Francesco Falcone, da cui ebbe sette figlie femmine e un maschio,  continuando a vivere con lui da serva e da amante.
 
 
Piazza San Pietro Barisano
19.00-19.10
Filo rosso (2)
L’utopia di Italo Calvino
Peppe Servillo legge “Le città invisibili” di Italo Calvino
 
 
Piazza San Giovanni
19.10-20.00
Antonio Infantino in concerto
Conduce Valerio Corzani
 
 
Piazza San Pietro Barisano
20.00-20.30
MOMENTI DI TRASCURABILE (IN)FELICITÀ
reading di e con Francesco Piccolo
«Momenti di trascurabile felicità e Momenti di trascurabile infelicità sono due libri fratelli, che comunicano tra loro, e che esprimono con precisione leggera la voce che mi sembra di aver avuto sempre.
Ogni volta che ho letto dei Momenti in pubblico, mi sono reso conto che l’adesione totale della mia voce al personaggio che attraversa i due libri è un modo per raccontarli ancora meglio.»
 
 
Piazza San Giovanni
21.30
Napoli Trip
CONCERTO DI STEFANO BOLLANI
Un ensemble tutto partenopeo che rilegge Raffaele Viviani e Nino Taranto all’inedito quartetto composto da Nico Gori (clarinetti e sax), Daniele Sepe (sassofono e flauti) e Manu Katche (batteria) che affronta nuove composizioni di Bollani create per questo progetto.
Conduce Valerio Corzani
 
 

SABATO 24 SETTEMBRE 2016
 
Piazza S.Pietro Barisano
09.00-09.50
LEZIONI DI MUSICA
Luca Mosca racconta
La Sonata  in la maggiore D. 959 di Franz Schubert 
 
Casa Cava
09.50-10.00
Filo rosso (3)
L’utopia di Italo Calvino
Peppe Servillo “Le città invisibili” di Italo Calvino
 
Casa Cava
10.00-11.00
Uomini e Profeti
L’Anima dell’Utopia
Interviene Moni Ovadia. Conduce Gabriella Caramore
 
Casa Cava
11.00-11.50
TUTTA LA CITTÀ NE PARLA
La Società dell’Utopia
Intervengono Umberto Galimberti,  Franco Farinelli, Emilio Dalmonte
Conduce Pietro Del Soldà
 
Casa Cava
11.50-12.00
Filo rosso (4)
L’utopia di Italo Calvino
Peppe Servillo legge “Le città invisibili” di Italo Calvino
 
Casa Cava
12.00-13.00
Tutto Vivaldi
Adriano Maria Fazio, violoncello solista, Riccardo Palumbo, violoncello
Silvio Natoli, tiorba e chitarra classica
Il programma prevede l’esecuzione delle sei sonate raccolte nell’edizione a stampa Leclerc e Boivin pubblicata nel 1740 a Parigi. Una versione più intima delle sonate vivaldiane che comunque mantiene un approccio filologico e attento ai parametri esecutivi dell’epoca
Conduce Marco Mauceri
Casa Cava
15.00-15.50
FAHRENHEIT
Utopie quotidiane
Intervengono Edoardo Albinati,  Luigi Zoja, Luca Mori
Conduce Marino Sinibaldi
 
 
Casa Cava
15.50-16.00
Filo rosso (5)
L’utopia di Italo Calvino
Peppe Servillo legge “Le città invisibili” di Italo Calvino
 
 
Casa Cava
16.00-16.45
Radio3scienza
L’Utopia della conoscenza
Intervengono Guido Tonelli, Paolo Nespoli
conduce Rossella Panarese
 
 
Piazzetta San Pietro Barisano
16.55-18.00
ILTEATRO DI RADIO3
Carte Blanche / Compagnia della Fortezza
COME SE IL MONDO DOVESSE COMINCIARE SOLO ORA
musiche e parole dalla Fortezza
ideazione e drammaturgia Armando Punzo
musiche originali eseguite dal vivo Andrea Salvadori
con Armando Punzo e Aniello Arena
prologo su utopia, desiderio e principio speranza a cura di Rossella Menna
Conduce Laura Palmieri
La grande utopia di Armando Punzo.  La domanda senza scetticismo, la certezza di essere-in-grado-di-poter-fare, se non in un certo modo in un altro, convinti che tra duemila anni qualcosa potrà dirsi certamente cambiato. Non con uno spirito migliorista ma rivoluzionario, non per oggi, ma per un domani ancora fuori dagli orizzonti della nostra immaginazione. L’Utopia non è  rifugio in una terra fantastica: è non codificare il reale secondo leggi immutabili. Attraverso una drammaturgia del tutto inedita in cui si intersecano pagine, frammenti e monologhi storici innervati di questo spirito utopico e le straordinarie musiche di scena scritte ed eseguite dal vivo da Andrea Salvadori, Armando Punzo, insieme ad Aniello Arena, presenta una emozionante antologia dei suoi versi da poeta guerriero.A fornire la chiave d'accesso a tale inedito zibaldone, un prologo narrativo su utopia, desiderio e principio speranza nel teatro della Compagnia della Fortezza, a cura di Rossella Menna.
 
 
 
Piazza San Pietro Barisano
19.00-19.10
Filo rosso (6)
L’utopia di Italo Calvino
Peppe Servillo legge “Le città invisibili” di Italo Calvino
 
 
Piazza San Pietro Barisano
19.10-20.15
CONCERTO JAZZ
Collettivo Casa Cava
Bruno Tommaso e Francesco Massaro - clarinetto basso
"Sassi e Note Ignote"
Musiche per gli affreschi delle chiese rupestri del Parco della Murgia Materana.
Conduce Valerio Corzani
 
Piazza San Giovanni
21.30- 22.30
Concerto per pubblico e Orchestra-Trois langages imaginaires
di Nicola Campogrande
Esegue l’Orchestra Sinfonica Abruzzese
Conduce Marco Mauceri
Durante la serata il pubblico, munito di caramelle - gentilmente offerte dalla Pastiglie Leone - e kazoo, prenderà parte a una vera e propria sessione di concertazione con l’orchestra, un esercizio coinvolgente e divertente, che sarà condotto da Campogrande insieme al direttore dell’orchestra Irene Gomez-Calado, e con l’aiuto del “direttore per il pubblico” Nil Venditti. Al termine della concertazione, pubblico e orchestra formeranno un corpo unico, in quella che si preannuncia una travolgente e festosa esecuzione dei tre movimenti del brano, "Gourmandesque”, "Dadalien", "Parlé gazou”, ognuno dei quali propone la realizzazione di  un nuovo immaginario linguaggio musicale.
Il “Concerto per pubblico e orchestra” di Campogrande sarà accostato nel programma alle Soirèes Musicales di Rossini nella versione di Benjamin Britten.
 
 

DOMENICA 25 SETTEMBRE 2016
 
 
Piazza S.Pietro Barisano
09.00-09.50
Lezioni di musica
Luca Mosca racconta
La Sonata in si bemolle maggiore D. 960 di Franz Schubert  
 
Casa Cava
09.50-10.00
Filo rosso (7)
L’utopia di Italo Calvino
Peppe Servillo legge “Le città invisibili” di Italo Calvino
 
Casa Cava
10.00-11.00
Radio3mondo
Europa: l’utopia necessaria
I foglietti di carta intrisi di idealismo del Manifesto di  Altiero Spinelli salpavano da Ventotene ormai 75 anni fa. Da allora il progetto europeo ha fatto tanta strada,  più o meno impervia,  e oggi viene scosso paurosamente da minacce che potrebbero distruggerlo: terrorismo globale, inadeguatezza di fronte alla questione dei migranti, secessionismi e populismi, pericolosi cedimenti sul fronte comune per eccellenza, quello dei diritti umani. Ma non saranno forse proprio i fatti e la storia a ridare slancio a quelle pagine?  E l’utopia dell’Europa non potrebbe rivelarsi oggi l’unica prospettiva realistica?  
Intervengono Claudio Cappon, Beatrice Covassi, Lucio Caracciolo, Gianni Pittella, Amnesty Matera
Nel corso dell’incontro I ragazzi di Moby dick leggono brani dal Manifesto di Ventotene di Altiero Spinelli, Ernesto Rossi e Ursula Hirschmann
Conduce Annamaria Giordano
 
 
Casa Cava
11.00-11.30
A3
L’arte come Utopia                              
Intervengono Gianfranco Baruchello, Tommaso Strinati
Conduce Elena del Drago
 
 
Piazza San Pietro Barisano
11.30-11.50
Pegasys Quintet
Biagio Orlandi Sax soprano
Errico De Fabritiis Sax contralto
Francesco Lo Cascio Vibrafono - Percussioni
Gianfranco Tedeschi Contrabbasso
Cristiano De Fabritiis Batteria
 
Il rapporto tra scrittura e improvvisazione è il fulcro della ricerca del Quintetto Pegasys, un gruppo “collettivo” in cui i cinque musicisti sono direttamente coinvolti nella definizione del percorso musicale, una bottega artigiana che non disdegna nessun materiale per realizzare le proprie visioni.
Le differenti personalità e le eterogenee esperienze artistiche dei singoli spaziano attraverso diversi linguaggi musicali del novecento: lo swing per orchestra, la musica contemporanea degli anni '60, il jazz d'avanguardia, la pratica dell'improvvisazione non-idiomatica, diventano gli elementi che il gruppo ha a disposizione per raccontare la propria storia.
Conduce Valerio Corzani
 
 
Casa Cava
11.50-12.00
Filo rosso (8)
L’utopia di Italo Calvino
Peppe Servillo legge “Le città invisibili” di Italo Calvino
 
 
Casa Cava
12.00-13.00
Quartetto Lyskamm – Special Chamber Music Prize 2016
Anton Webern Sei bagatelle op. 9
Wolfgang Amadeus Mozart 
Quartetto in sol maggiore KV 387
Allegro vivace assai
Conduce Marco Mauceri
 
 
Piazza San  Pietro Barisano
13.00/13.45
Concerto e gran finale
Banda Rulli Frulli
Cinquanta urlanti
La Banda rulli frulli suona più forte del terremoto
Conducono Valerio Corzani e Marino Sinibaldi
 


MATERADIO OFF – LA FESTA SI ALLARGA
 
LE ATTIVITA’
La Cura
19-25 settembre
L’(U)topia della Cura
Un vocabolario connettivo per immaginarci una nuova (U)Topia. Laboratori in piazza con le scuole, creazione di un mapping, la costruzione di una grande U in carta pesta per contenere le nuove parole. Per coinvolgere la città durante Materadio insieme a La Cura di Salvatore Iaconesi e Oriana Persico
 
Anteprima Materadio 2016
22 settembre ore 17
L’Utopia e la Distopia della Scienza
Università degli Studi della Basilicata, Aula Magna Campus Macchia Romana, Potenza
A cura di Liberascienza
Parteciperanno Vittorio Marchis, Aurelia Sole, Pierluigi Argoneto
Coordinano Marino Sinibaldi, direttore di Rai Radio3 e Rossella Panarese, Radio3 Scienza.
 
Materadio per Amatrice
22-24 settembre
L’Utopia della Radio
Al terribile terremoto dell’Aquila uno dei doni più graditi dai cittadini aquilani furono le tante radio che consentirono di tenersi collegati in qualche modo con la realtà. A partire da quella esperienza, in collaborazione con maker lucani e con la MAKER FAIRE Roma, Rai Radio3 e Matera 2019 hanno avviato un progetto per la realizzazione di quante più radio possibili che verranno donate ai cittadini di Amatrice,  Arquata del Tronto e Accumoli.
I laboratori si terranno nel corso di Materadio presso il Community Center di Matera.
 
 
Materadio per la città
 
19-24 settembre
L'Utopia dell'arte urbana. Momo meets the children
A cura del Polo Museale Regionale della Basilicata in collaborazione con Associazione Momart
 
Nell’ambito di un progetto di arte pubblica indirizzato alla promozione dei linguaggi della contemporaneità e al sostegno della creatività giovanile, il Polo Museale Regionale della Basilicata ha commissionato all’Associazione Momart di Matera, molto attiva nel campo dell’arte pubblica, un progetto di residenza artistica e laboratori partecipati finalizzato alla realizzazione di un intervento di “street art” su un edificio scolastico di Matera.
Il progetto indirizzato al coinvolgimento della comunità e alla crescita della partecipazione culturale si collega, nel segno di Utopia, all’esperienza ormai consolidata del Museo fuori dal Museo.
Il progetto prevede la realizzazione di un intervento creativo sulla facciata della scuola di San Pardo di uno dei più importanti street artist contemporanei, l’americano MOMO (San Francisco 1974). Il lavoro è incentrato sul ruolo catalizzante della scuola all’interno del quartiere e vedrà la partecipazione insieme all’artista in residenza di ragazzi di età tra i 10 e gli 11 anni (alunni della 5 classe elementare e di 1 media).
Nei giorni precedenti l’arrivo di MOMO a Matera, l’Associazione provvederà ad effettuare due incontri con gli alunni, il primo sulla differenza tra “vandalismo” e azione creativa e il secondo di introduzione al “lavoro sulla facciata” su forme e colori con un approfondimento sul metodo di Bruno Munari e Joseph Albers.  I laboratori saranno tenuti da due giovani esperti, Mauro Acito e Marica Montemurro. Il lavoro sarà propedeutico alla realizzazione del bozzetto che verrà trasferito su un muro esterno della scuola la mattina di sabato 24 settembre. MOMO guiderà i ragazzi nella realizzazione del ‘muro’, insegnando loro le tecniche per maneggiare la geometria pratica e l’uso di strumenti auto-costruiti, ‘do it yourself’.
L’obiettivo è di rendere consapevoli i partecipanti della dimensione dello spazio che li circonda lavorando su dimensioni ben più grandi dei consueti fogli e dipingendo perfette figure geometriche su qualsiasi supporto e contemporaneamente avere consapevolezza del ‘senso’ del fare artistico e/o creativo.
Durante il lavoro di laboratorio con l’artista, l’insegnante di inglese, sosterrà i giovani allievi nel dialogo e nel rapporto diretto, spingendoli a rapportarsi direttamente 
 
Residenza COPEAM
20-24 settembre
L’Utopia del Mediterraneo
I giornalisti di COPEAM, Conferenza Permanente dell’Audiovisivo Mediterraneo, di Radio France, Radio Tunisienne, Radio Algérienne, SNRT (Marocco), RNE (Spagna), ERTU (Egitto), PBS (Malta), Rai Sicilia e Rai Sardegna in residenza a Matera. Con la collaborazione della Fondazione Sassi ed insieme ad alcuni giornalisti locali discuteranno sui temi dell’utopia e della distopia mediterranea.
Il prodotto di queste riflessioni sarà trasmesso nei programmi Kantara e Mediterradio.
 
Mediterraneo: Utopie e Distopie
24 settembre ore 18
Palazzo Lanfranchi
A cura di COPEAM con la collaborazione della Fondazione Matera-Basilicata 2019, Fondazione Sassi e Radio3 Mondo. Con i giornalisti in residenza a Matera e Beatrice Covassi, capo della rappresentanza in Italia della Commissione Europea.

 
 





 
Vota questo contenuto

Seleziona una data

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi