home > eventi > Eventi Matera | SassiLand > Leggi evento
[ 28.747.983 visualizzazioni ]
Evento consultato 1624 volte

Arlecchino servitore di due padroni

Attivo da mercoledì 23 novembre 2011 a giovedì 24 novembre 2011 dalle ore 21:00
TEATRI UNITI D´ITALIA - Le città della scena a Matera TEATRI UNITI D´ITALIA - Le città della scena a Matera
Media voti: Arlecchino servitore di due padroni - Voti: 0
TEATRO A MATERA - STAGIONE TEATRALE 2011/2012
Matera TEATRO A MATERA - STAGIONE TEATRALE 2011/2012
"Teatri uniti d'Italia" - Le città della scena a Matera

Milano a Matera
 
Mercoledi 23 novembre 2011
Giovedi 24 novembre 2011
Teatro Duni ore 21.00
Piccolo Teatro di Milano – Teatro D’Europa
Arlecchino servitore di due padroni
di Carlo Goldoni
regia di Giorgio Strehler
messa in scena daFerruccio Soleri
con la collaborazione diStefano de Luca
scene di Ezio Frigerio
costumi di Franca Squarciapino
musiche di Fiorenzo Carpi
luci di Gerardo Modica
movimenti mimici di Marise Flach
maschere di Amleto e Donato Sartori
con  Ferruccio Soleri, Enrico Bonavera, Giorgio Bongiovanni, Francesco Cordella,
Alessandra Gigli, Stefano Guizzi, Pia Lanciotti, Sergio Leone, Tommaso Minniti,
Katia Mirabella, Eugenio Olivieri, Stefano Onofri, Annamaria Rossano
ei suonatori Gianni Bobbio, Paolo Mattei, Francesco Mazzoleni, Elisabetta Pasquinell,
Celio Regoli
genere: commedia dell’arte
durata: tre ore con due intervalli
Esclusiva Sud Italia
 
 
Personaggio del mondo come pochi altri, noto in tantissimi paesi magari con nomi diversi, Arlecchino rappresenta con la sua maschera da gatto, il suo costume a pezze multicolori, la sua lotta quotidiana per sconfiggere la fame, la sua infantile simpatia, la sua capacità di inventare scherzi, il suo carattere ingenuo ma coraggioso nel battersi contro ogni ingiustizia, l’anima popolare del teatro. L’Arlecchino del Piccolo Teatro è andata in scena nella sua prima edizione nel lontano 1947 ed è in assoluto lo spettacolo non solo italiano più visto al mondo, con i suoi sessant’anni di vita pieni d’energia e di creatività che hanno conquistato i pubblici più diversi d’ogni latitudine. Nato dalla penna e dall’amore per il teatro di uno dei più famosi drammaturghi della scena italiana, Carlo Goldoni, nel Settecento, quando ormai la commedia dell’arte aveva esaurito il suo ciclo e la sua forza trasgressiva. Così questo Arlecchino vive sotto i nostri occhi il passaggio da maschera a personaggio in carne e ossa per il quale non contano solo i giochi e la ribellione, ma la riflessione e il pensiero. Lo spettacolo porta la firma di Giorgio Strehler, uno dei più famosi registi di tutti i tempi, che ha saputo reinventare una tradizione che sembrava perduta, ha trovato in Ferruccio Soleri il suo interprete d’elezione: questo spettacolo cult ha compiuto, non solo metaforicamente, un lungo viaggio attraverso le dieci edizioni che hanno accompagnato la sua vita di ininterrotto successo, ritornando di fronte ai suoi pubblici ogni volta diverso, più profondo e più ricco di umanità. Acquistando una profondità, un’evidenza che rendono le sue peripezie immediatamente comprensibili aldilà della diversità della lingua. Basta abbandonarsi al fluire della vita che si propaga, nella semplicità delle scene, attraverso il corpo dell’attore, grazie a un’arte semplice e antica che scende dal palcoscenico alla platea, calda come un abbraccio.
 
L’Arlecchino è un fatto straordinario nella storia del teatro mondiale. Questo spettacolo ci ha accompagnato per tutta la vita, rinnovandosi volta per volta. Centinaia di attori lo hanno recitato. Ci sono degli spettatori che l’hanno visto nascere, poi, anni dopo, l’hanno visto rinascere; dopo altri, l’hanno riconosciuto in Italia o nel mondo... Forse un grande libro avrebbe potuto essere scritto su questa storia: la storia di un solo spettacolo, ripetuto ma non ricopiato quasi all’infinito. Nessuno l’ha scritto e credo che nessuno lo scriverà. Se noi teatranti, per compiere il nostro meraviglioso e disperante mestiere, dovessimo aspettare quelli che scrivono, non ci sarebbe più una ribalta che si accende nel mondo. Noi facciamo il teatro. Altri lo guardano. Altri ancora lo descrivono e lo ricordano. I più lo dimenticano. O credono di dimenticarlo; perché io penso che un atto teatrale d’arte, vitale, compiuto, rimanga dentro al pubblico come una memoria sepolta e non perduta. … Di Ferruccio che posso dire, ancora, che già non sia stato detto o scritto, in tanti anni di vita trascorsi insieme sulle scene? Il mio Arlecchino è lui, personaggio ormai affrancato, libero dalla schiavitù del tempo che passa: eppure lui sa, ogni volta, rinascere sempre nuovo, sempre unico. … Un altro segno, non di celebrazione come sempre un po’ funebre, ma di nascita. Per il resto, l’Arlecchino sarà come sempre pieno di storia e di ricordi; ma anche di nuovi suoni, di nuove sorprese.
Giorgio Strehler
 
Giorgio Strehler, triestino ma con radici austriache, slave e francesi, nasce in una famiglia di artisti di teatro e di musica; si forma a Milano, dove si diploma presso l’Accademia dei Filodrammatici, e fonda  nel 1947 con Paolo Grassi e Nina Vinchi, il Piccolo Teatro. In oltre cinquant’anni di spettacoli e di attività ha perseguito un teatro come forma d’arte per tutti, calata nella vita reale in un continuo rapporto di scambio culturale con gli altri teatri europei e impegnandosi nella formazione degli attori. Oltre duecento gli spettacoli che portano la sua firma, tra regie di prosa e  regie liriche. E’ scomparso la notte di Natale del 1997.
 
Ferruccio Solerinasce a Firenze, dove frequenta la Facoltà di Matematica e Fisica, per poi approdare all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico di Roma. Il debutto teatrale è nel 1958 al Piccolo Teatro di Milano con un’opera di Pirandello, cui seguono Goldoni, Lorca, Babel, Ibsen, Brecht, Shakespeare, Molière, Marivaux e Gogol, sotto la direzione di registi come Strehler, Chéreau, Huston, Squarzina, Guicciardini, Puggelli, Vitez. Nel 1972 esordisce anche come regista di teatro, realizzando poi spettacoli a Salisburgo, Monaco di Baviera, Lione, Parigi, Karlsruhe, Zurigo, Bruxelles e nei più celebri teatri d’Italia. E’ entrato nel Guinness dei primati come l’attore che più di tutti ha recitato lo stesso ruolo nella vita.


Informazioni:
Accanto al nutrito cartellone di spettacoli, sono in programma anche incontri, seminari, laboratori che coinvolgeranno studenti, bambini, adulti. Diverse le formule di abbonamento previste e che vanno incontro alle differenti esigenze degli spettatori, con costi Abbonamenti da 50 a 355 euro  -  Biglietti da 5 a 30 euro. www.incompagnia.com

35 spettacoli, 55 appuntamenti complessivi, raccolti in 8 sezioni, 7 mesi di programmazione, 3 teatri coinvolti, numerosi appuntamenti collaterali: questi i numeri di una stagione che nella sua nuova forma a Matera e in Basilicata non si era mai vista.
L'Italia è il paese delle cento città e dei molti teatri. Nell'anno delle celebrazioni dei 150 anni dall'Unità della Nazione, Matera lancia un nuovo progetto, un nuovo modo di concepire una stagione teatrale. Teatri Uniti d'Italia - Le città della scena a Matera è il titolo della stagione teatrale 2011/2012: non si tratta di una ordinaria stagione teatrale ma di un progetto vero e proprio, articolato e ambizioso, inedito per Matera, che impagina il cartellone di spettacoli in percorsi ben distinti e si rivolge a un pubblico allargato. Il suo "cuore",a sua peculiarità è nell'ospitalità in ciascuna stagione di una città italiana teatralmente vivace, ecco le ragioni del titolo: a un secolo e mezzo dalla nascita della Nazione, Matera si fa palcoscenico del miglior teatro prodotto nelle nostre città, privilegiando il meglio della tradizione e con un'attenzione speciale al teatro contemporaneo. Protagonista di questa prima edizione è Milano, la città del Teatro alla Scala e del Piccolo Teatro, la capitale italiana dello spettacolo dal vivo.
Teatri Uniti d'Italia è un ulteriore contributo alla promozione della Candidatura di Matera a Capitale Europea della Cultura 2019, che rappresenta un importante volano per lo svilluppo della città e dell'intera regione.
La nuova "stagione a progetto" è realizzata con il sostegno del Comune di Matera, la Provincia di Matera, la Regione Basilicata, l'Apt della Basilicata e si avvale nel ruolo di "suggeritore" di Antonio Calbi, mentre Francesca Lisbona, presidente dell'Associazione In Compagnia, è responsabile dell'organizzazione generale.




 
Vota questo contenuto

Seleziona una data

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Eventi di oggi