home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 93.631.542 visualizzazioni ]
21/11/2013 16.26.23 - Articolo letto 2073 volte

Discarica di Colobraro: persi posti di lavoro in agricoltura

Discarica di Colobraro Discarica di Colobraro
Media voti: Discarica di Colobraro: persi posti di lavoro in agricoltura - Voti: 0
A causa della quale e del fetore emanato, molti commercianti di frutta non acquistano più i prodotti agricoli delle aziende
Colobraro Sempre attuale il tema della discarica di Colobraro, gestita fino a qualche mese fa dall’ex Comunità Montana Basso Sinni, ora in liquidazione. Nei giorni scorsi, sui mass media locali sono state trattate le gravi condizioni di precarietà degli operai impiegati nella Piattaforma integrata per lo smaltimento di rifiuti non pericolosi sita in località "Monticelli" di Colobraro. Gli amministratori locali continuano a considerare la discarica come un’occasione per creare posti di lavoro, ma nessuno tiene in considerazione l’altra faccia della medaglia, cioè i posti di lavoro venuti a mancare a causa dei danni subiti dalle aziende agricole ortofrutticole proprio per colpa della presenza dell’ecomostro.
A causa della discarica e del fetore emanato, molti commercianti di frutta non acquistano più i prodotti agricoli delle aziende e chi lo fa, offre prezzi molto ridotti rispetto a quelli presenti sul resto del mercato. Il danno quantificato per le decine di aziende ortofrutticole, che si estendono per più di 600 ettari, è elevato: centinaia di migliaia di euro all’anno, dal giorno di apertura della discarica, e che si protrarrà per i prossimi decenni, per un danno complessivo di decine di milioni di euro. Questa cifra è di molto superiore al beneficio che tutti i Comuni del circondario hanno avuto e avranno dallo smaltimento dei propri rifiuti nella discarica.
Dato che gli agricoltori non riescono ad avere abbastanza ricavi dalla vendita della frutta, hanno iniziato a tagliare gli investimenti e i costi. Quindi si è verificata una riduzione nell’acquisto di concimi, di prodotti fitosanitari, e il peso economico della discarica si è anche trasferito sul commercio di prodotti industriali per l’agricoltura. Inoltre, si sono già perse migliaia di ore lavorative, tra le 30 mila e le 40 mila ore all’anno, pari al lavoro svolto annualmente da 20 operai. Se la discarica garantirà 20 posti di lavoro per soli 4-5 anni, allo stesso tempo farà perdere tante ore di lavoro in un anno, pari al lavoro di 20 operai nel solo settore agricolo, ma per molti decenni. I numeri aumentano se si considera l’indotto e se si considerano le ricadute sugli altri settori, come il commercio e il turismo.
Sommando tutti questi danni si potrà capire che le affermazioni degli amministratori locali si basano soltanto su alcune parziali informazioni, omettendo di dire ai cittadini tutto il resto, lasciandoli nella più totale ignoranza. Tenendo tutto in considerazione, e non solo i bilanci comunali a cui i nostri sindaci guardano, la discarica di Colobraro, e il suo futuro ampliamento, produce, a livello di collettività, più danni che benefici. La discarica distrugge ricchezza, invece di crearla.



Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi