home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 86.334.447 visualizzazioni ]
20/02/2013 17.14.39 - Articolo letto 2557 volte

COSTRUZIONI: FENEAL-UIL, ACCELERARE IN BASILICATA IL PIANO DI RILANCIO

Cantiere, impalcature (foto SassiLand) Cantiere, impalcature (foto SassiLand)
Media voti: COSTRUZIONI: FENEAL-UIL, ACCELERARE IN BASILICATA IL PIANO DI RILANCIO - Voti: 0
commento del segretario regionale Domenico Palma
Basilicata “I dati nazionali forniti oggi dall’Ance (Associazione Nazionale Costruzioni) di cui i più rilevanti riguardano le risorse finanziarie disponibili ma bloccate per 39 miliardi di euro, la possibilità di  generare oltre 660 mila posti di lavoro e avere una ricaduta complessiva sul sistema economico per circa 130 mld di euro, rafforzano la recente iniziativa unitaria degli Stati Generali delle Costruzioni della Basilicata con l’obiettivo di aggiornare ed accelerare l’attuazione del piano di rilancio del comparto”. E’ il commento del segretario regionale Feneal-Uil Domenico Palma sottolineando che “da tempo costruttori e sindacalisti parlano la stessa lingua e hanno dato vita ad un fronte unico per la concertazione con il Governo e le Regioni. Il primo grosso ostacolo continua ad essere il patto di stabilità che congela ben 13,3 miliardi di euro, di cui, secondo le cifre Ance, 4,7 mld per i pagamenti di lavoro già eseguiti e 8,6 mld per nuovi lavori da avviare. A questi 8,6 mld vanno aggiunti i circa 30 mld stanziati dal Cipe negli 4 ultimi anni per la manutenzione e la messa in sicurezza del territorio per i quali non sono state ancora bandite le gare o sottoscritti i contratti con le imprese per la realizzazione dei lavori. Quello della manutenzione del nostro territorio – sottolinea Palma – continua ad essere un punto ancora più nevralgico perché frane e smottamenti sono un rischio diffusissimo anche nella nostra regione. E tra gli investimenti da realizzare ci sono 16 mld per infrastrutture di trasporto; 2 mld per la messa in sicurezza delle scuole; 2 mld per prevenire il rischio idrogeologico e la manutenzione del territorio; 2 mld per la depurazione delle acque; 1 mld per gli interventi sull'universita' e 7 mld per altri interventi infrastrutturali (edilizia sanitaria, riqualificazione urbana...). Basterebbe sbloccare solo un quinto di tutte queste risorse per garantire la ripresa delle imprese e sicurezza di continuità di lavoro per gli operai. Subito dopo la fase elettorale – dice il segretario degli edili della Uil – dobbiamo perciò intensificare il confronto istituzionale per individuare soluzioni a breve e medio termine se non vogliamo assistere ancora a cantieri di opere pubbliche sbarrati e lista di operai disoccupati allungata”.  La crisi non sta soltanto producendo effetti devastanti in termini economici ed occupazionali– prosegue il segretario - ma sta destrutturando un settore come l’edilizia dove vediamo avanzare senza freni illegalità ed lavoro nero. Per questo occorre: sì pagare le imprese, investire in infrastrutture, recupero e ristrutturazione, difesa e manutenzione del territorio, ma non senza riaffermare l’importanza ed il rispetto delle regole per garantire lavoro sicuro e di qualità”.


Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Vista Cattedrale di Matera

Clicca qui per osservare la Cattedrale di Matera sulla Civita degli antichi Rioni

Articoli correlati

Eventi di oggi