L' operazione potrebbe richiedere qualche minuto. Attendere prego ...
home > notizie > Notizie Matera | SassiLand > Leggi notizia
[ 50.049.470 visualizzazioni ]
07/11/2011 18.23.26 - Articolo letto 2583 volte

Comparto ferroviario: salvaguardare i posti di lavoro senza stravolgere il tessuto industriale

Politici lucani Politici lucani
Media voti: Comparto ferroviario: salvaguardare i posti di lavoro senza stravolgere il tessuto industriale - Voti: 0
Nota di Luca Braia
Basilicata Ad ogni costo bisogna salvaguardare i posti di lavoro senza stravolgere il tessuto industriale produttivo diretto ed indiretto del comparto lucano che fa riferimento al trasporto ferroviario.
Questo è in sintesi quanto emerso dalle dichiarazioni dei rappresentanti sindacali di categoria e delle maestranze che fanno parte delle aziende facenti parte dell’intero  comparto che, unite alle dichiarazioni fatte dall’assessore Restaino del Dipartimento Attività Produttive, hanno disegnato uno scenario tutt’altro che rassicurante rispetto al quale vanno assunte immediatamente posizioni importanti e soprattutto quanto più possibili ampie e politicamente unitarie ben oltre  i confini classici e tradizionali degli schieramenti.
La vertenze  Ansaldo STS di Tito, le questioni legate alla salvaguardia della Ferrosud di Matera, della Firema e delle Ogr di Melfi, sono tutte giunte oramai, anche se con sostanziali differenze e specificità, ad un livello di criticità tale che diventa fondamentale la costituzione di un tavolo unico intorno al quale chiamare in maniera netta e diretta il governo nazionale.
Le ricadute potrebbero essere devastanti se, alla cronica mancanza di fondi per effettuare quegli investimenti che da anni il sistema Italia e soprattutto il sistema  Basilicata richiede per essere al passo con il Centro-Nord Italia e con l’Europa, si aggiungesse la scelta degli attuali proprietari pubblici e privati di espoliare il nostro territorio anche dei residui insediamenti produttivi che da decenni rappresentano l’orgoglio della nostra Basilicata e che sono stati in grado di costruire treni, anche ad alto contenuto tecnologico, che ancora oggi  viaggiano in giro per il mondo.
E’ oramai noto che la paventata disgregazione del comparto produttivo ferroviario di Basilicata, frutto anche di politiche nazionali sul settore poco lungimiranti, potrebbe subire un’accelerazione qualora il processo di dismissione delle partecipazioni da alcune  aziende strategiche, da parte del Governo centrale impegnato esclusivamente a fare cassa, fosse autorizzato senza l’utilizzo di tutti quei controlli e quelle tutele che oggi (come non mai) devono condizionare, senza disincentivare, i necessari processi di privatizzazione suggeriti dall’economia mondiale e dal governo centrale europeo.
Ritengo che le politiche del mercato vanno guidate e non subite, come troppe volte ultimamente sta accadendo a tutti i livelli , ed è per questo che ritengo pure, oramai, imprescindibile che sia stabilmente insediata, sotto la guida del presidente De Filippo, una Task force interdipartimentale che trimestralmente relazioni su un’azione sistematica di verifica da fare sullo stato di salute di tutto il sistema produttivo lucano, facendo azioni di “scouting” dei potenziali problemi, al fine di poterli il prima possibile intercettare e quindi affrontare evitando di lavorare esclusivamente sulle emergenze sempre difficili da gestire e, soprattutto, risolvere.
L’inserimento, voluto dall’intero Consiglio regionale con a capo il presidente De Filippo, della vertenza del comparto ferroviario nella trattativa messa in piedi con l’Esecutivo nazionale per il “memorandum sul petrolio”, che ha un particolare riferimento al ruolo che dovrà giocare Finmeccanica in Basilicata anche sul settore aero-spaziale, dovrà diventare un elemento centrale su cui chiedere “dazio” allo Stato,  così come alta va alzata l’istanza  nei confronti di Trenitalia Cargo per sbloccare la commessa di lavoro per Ferrosud e  per evitare la completa chiusura della tratta ferroviaria Gioia del Colle – Rocchetta che taglierebbe fuori lo stabilimento di Matera da ogni possibilità di rilancio industriale .




Sassiland News - Editore e Direttore responsabile: Gianni Cellura
Testata registrata presso il Tribunale di Matera n.6 del 30/09/2008




 
Vota questo contenuto

Ultimi commenti

Da piazza V. Veneto - f. Ferdinandea

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da p.zza Vittorio Veneto - zona Ipogei

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale ciò che sta accadendo in piazza Vittorio Veneto - zona Ipogei a Matera ! Osserva il semplice movimento cittadino, o gli eventi organizzati in piazza, o semplicemente il tempo che fa. Nella pagina potrai trovare anche utilissime indicazioni per giungere a Matera o relative all' evento che potrai osservare .

Da via La Martella e via Appia

webcam Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico sulla via Appia, all'altezza dello svincolo per via La Martella a Matera

Da via Aldo Moro ..

Webcam in via Aldo Moro - Matera Clicca qui per osservare in tempo reale il traffico in via Aldo Moro e il meteo su Matera

Articoli correlati